Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa», nn. 1-5
Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa», nn. 6-10
Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa», nn. 11-15
Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa», nn. 16-20
Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa», nn. 21-25

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_admin in eval() (linea 1 di /home/storicav/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Giustizia penale a San Gimignano

Tamara Graziotti, Giustizia penale a San Gimignano (1300-1350), prefazione di P. Nardi, Firenze, Olschki, 2015, XXVI-182 pp., € 26,00, ISBN 978-88-222-6327-8

Biblioteca della «Miscellanea Storica della Valdelsa»
n. 27
Download: 
Riservato ai soci

Qui la recensione di Enrico Faini

Indice e/o abstract: 

INDICE

Premessa [p. IX]
Prefazione di Paolo Nardi [pp. XI-XV]
Introduzione [pp. XVII-XXV]

PARTE PRIMA - LE MAGISTRATURE GIUDIZIARIE E LA NORMATIVA STATUTARIA

Capitolo I – GLI UFFICIALI FORESTIERI. IL PODESTÀ [pp.3-19]
1. Affermazione e sviluppi della carica podestarile [pp. 3-10]
    L’elezione e il salario del podestà [pp. 4-7]
    Le provenienze degli ufficiali [pp. 7-10]
2. Il ruolo del podestà nelle compilazioni statutarie: sviluppi della magistratura tra XIII e XV secolo [pp. 10-16]
3. Il seguito del podestà [pp. 16-19]

Capitolo II – GLI UFFICIALI FORESTIERI. IL CAPITANO [pp. 21-32]
1. Tentativi di affermazione delle istituzioni popolari nell’esperienza duecentesca [pp. 21-23]
2. Dal giudice degli appelli al capitano: gli statuti trecenteschi [pp. 23-30]
    L’ufficio del capitano nel tentativo di riforma statutaria del 1339 [pp. 24-28]
    Il seguito del capitano [pp. 28-30]
3. Evoluzioni istituzionali e tensioni politiche [pp. 30-32]

Capitolo III – IL DIRITTO PENALE NELLA NORMATIVA STATUTARIA [pp. 33-46]
1. Il potere giudiziario del podestà [pp. 33-39]
    Le limitazioni del potere dei rettori forestieri [pp. 38-39]
2. Il potere giudiziario del capitano [pp. 39-43]
    La tutela giudiziaria del popolo [pp. 42-43]
3. Il diritto processuale e il sistema delle pene [pp. 43-46]

PARTE SECONDA - I PROCESSI E LE PROCEDURE

Capitolo I – SCRITTURE E PROCEDURE GIUDIZIARIE [pp. 49-67]
1. La prassi documentaria dei tribunali sangimignanesi [pp. 49-53]
    La conservazione della documentazione [pp. 50-53]
2. Le forme del rito inquisitorio [pp. 53-61]
    Inizio del procedimento e istruttoria [pp. 54-58]
    Lo svolgimento del processo [pp. 58-60]
    La conclusione del processo [pp. 60-61]
3. Accusa e denuncia [pp. 61-64]
    La denuncia [pp. 63-64]
4. Considerazioni su diffusione e sviluppo delle procedure tra Due e Trecento [pp. 64-67]

Capitolo II – IL TRIBUNALE DEL PODESTA [pp. 69-98]
1. L’attività del tribunale podestarile [pp. 69-70]
2. I processi con rito inquisitorio [pp. 70-81]
    Le inquisizioni del 1319 [pp. 70-71]
    Le fattispecie di reato perseguite [pp. 72-74]
    Lo svolgimento dei processi [pp. 74-75]
    Le inquisizioni del 1325-1326 [pp. 75-77]
    Le fattispecie di reato perseguite [pp. 77-78]
    I reati collettivi [pp. 78-80]
    Lo svolgimento dei processi [pp. 80-81]
3. I processi per accusa e denuncia [pp. 82-83]
4. L’emissione della sentenza [pp. 83-98]
    Le condanne nei processi inquisitori [p. 85]
    Reati, condannati e vittime [pp. 86-88]
    La valutazione delle prove nei processi inquisitori [pp. 88-89]
    La determinazione delle pene [pp. 90-93]
    Le condanne nei processi accusatori e nelle denunce [pp. 93-95]
    Le assoluzioni [pp. 95-96]
    Il pagamento delle sanzioni [pp. 96-98]

Capitolo III – IL TRIBUNALE DEL CAPITANO [99-120]
1. La documentazione giudiziaria e l’attivita` del tribunale capitaneale [pp. 99-102]
2. I processi con rito inquisitorio [pp. 102-112]
    Le fattispecie di reato perseguite [pp. 103-106]
    Reati individuali e reati collettivi [pp. 106-107]
    Svolgimento dei procedimenti inquisitori [pp. 107-110]
    La tutela giudiziaria del popolo [pp. 110-112]
3. I processi per denuncia e le accuse [pp. 112-116]
    Le denunce dei Custodi del Casperano [p. 113]
    Le strategie difensive degli imputati nei processi per denuncia [pp. 113-114]
    Le accuse [pp. 115-116]
4. L’attività punitiva [pp. 116-120]
    Le condanne del capitano tra il 1323 e il 1330 [pp. 117-120]

PARTE TERZA - AI MARGINI DEL PROCESSO

Capitolo I – GLI SPAZI DELLA MEDIAZIONE. PACE PRIVATA E PROCESSO PENALE [pp. 123-137]
1. Definizione del concetto di pace privata [pp. 124-126]
2. La riflessione dottrinaria sulla pace privata tra XII e XIII secolo e la normativa sangimignanese [pp. 126-131]
    La regolamentazione normativa della pace privata a San Gimignano [pp. 128-130]
    Il formulario notarile [pp. 130-131]
3. Fatti, reati, persone. La pace nel processo penale a San Gimignano [pp. 131-134]
4. Dopo la condanna: possibilità di patteggiamento della pena e di riammissione nella comunità [pp. 134-137]

Capitolo II – IL CONTROLLO DEL TERRITORIO E L’ATTIVITÀ DI POLIZIA [pp. 139-159]
1. Sicurezza interna e controllo del crimine a San Gimignano [pp. 141-145]
    Il controllo delle ville e del distretto [pp. 144-145]
2. Ex mandato iudicis. Il ruolo degli ufficiali forestieri nella disciplina e prevenzione dei reati [pp. 145-154]
    I bandi e le inquisizioni generali del podestà [pp. 145-148]
    Il servizio di pattuglia del seguito podestarile [pp. 148-152]
    L’attività di polizia del capitano e del suo seguito [pp. 152-154]
3. La sicurezza della terra e la questione della custodia [pp. 154-159]
    Le condanne per infrazioni alla custodia [pp. 156-159]

CONCLUSIONI [pp. 161-167]

FONTI E STUDI [pp. 169-180]


ABSTRACT

Il volume prende in esame il ruolo del processo penale nei tribunali pubblici comunali attraverso l'analisi di documentazione inedita proveniente dagli Archivi di San Gimignano. L'evento giudiziario viene considerato sotto ogni aspetto, nel tentativo di restituire la dimensione sociale del processo e permettere una comprensione approfondita del funzionamento delle corti penali negli ultimi decenni dell'esperienza comunale. Ne emerge un quadro piuttosto complesso, in cui il tribunale pubblico sembra non soltanto un luogo per la persecuzione dei reati ma anche uno spazio per la mediazione dei conflitti. Allo stesso tempo le procedure penali diventano strumento per il controllo dell'ordine pubblico e del territorio con uno scambio continuo, e proficuo, tra giurisprudenza dotta e attività quotidiana dei tribunali. Una costante attenzione è rivolta, inoltre, alla questione del controllo dell'operato dei giusdicenti forestieri da parte dei ceti dirigenti sangimignanesi, sintomo della costante ricerca di un equilibrio istituzionale spesso nella prassi difficile da raggiungere.

The study of unpublished documents of the Archives of San Gimignano is the foundation of this analysis of the role of criminal trials in the public tribunals of the commune, and of how the justice courts worked during the last decades of the communal age. The result is a complex picture in which the functions of criminal justice appear to be social conditioning, the control of internal conflicts and that of the territory.


AUTORE

Tamara Graziotti ha conseguito la Laurea in Lettere (2007) e il Dottorato in Storia Medievale (2012) presso l’Università di Firenze. Ha ottenuto inoltre il Diploma presso la Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell’Archivio di Stato di Firenze (2009) e dal 2010 collabora in veste di archivista e paleografa con The Medici Archive Project. Si occupa di storia sociale e istituzionale e questa è la sua prima monografia (luglio 2014).